Gara - ID 7

Stato: Deserta


Registrati o Accedi Per partecipare

ProceduraAperta
CriterioQualità prezzo
OggettoServizi
Affidamento del “Servizio di gestione degli atti relativi alle violazioni alle norme del Codice della Strada, accertate a carico dei veicoli e/o trasgressori e/o obbligati in solido aventi residenza o sede in Italia e dei veicoli e/o trasgressori e/o obbligati in solido aventi residenza o sede all’estero, ai Regolamenti Comunali e delle altre norme di competenza della Polizia Locale, nonché, la fornitura di prodotti tipografici connessi alle attività di Polizia Locale”
CIG7875692AA1
CUP
Totale appalto€ 2.706.000,00
Data pubblicazione 10/05/2019 Termine richieste chiarimenti Venerdi - 07 Giugno 2019 - 12:00
Scadenza presentazione offerteMercoledi - 12 Giugno 2019 - 12:00 Apertura delle offerteGiovedi - 13 Giugno 2019 - 09:00
Categorie merceologiche
  • 72322 - Servizi di gestione dati
DescrizioneL’appalto ha per oggetto il servizio di gestione delle attività e dei relativi sviluppi procedurali rientranti nel processo sanzionatorio amministrativo conseguente alle violazioni del Codice della Strada (di seguito anche solo C.d.S.) per veicoli con targa italiana ed estera e trasgressori ovvero obbligati in solido aventi residenza o sede in Italia e/o all’estero, e dei Regolamenti Comunali, delle leggi di competenza della Polizia Locale, compresi la fornitura gratuita del relativo software gestionale, dei servizi di formazione, di manutenzione, di pubblicazione, di assistenza, del servizio di call center, di front-office, nonché, la fornitura di prodotti tipografici, apparati informatici per la rilevazione dei verbali non contestati ossia dei preavvisi di contestazione (palmare e stampante portatile da affibbiare al cinturone) e, comunque, di quant’altro previsto nel Capitolato Tecnico
Struttura proponente Polizia Municipale
Responsabile del servizio Dott. Donato Zacheo Responsabile del procedimento COLIZZI GIUSEPPE
Allegati
Richiesta DGUE XML
File pdf bando-albo-pretorio - 320.55 kB
10/05/2019
File doc allegato-a-completo - 63.00 kB
10/05/2019
File pdf dsg-n.016572019-del-03.05.2019 - 2.38 MB
10/05/2019
File pdf piano-economico - 71.90 kB
10/05/2019
File pdf modello-dgue - 147.89 kB
10/05/2019
File pdf capitolato-gestione-procedimento-sanzionatorio - 639.43 kB
30/05/2019
File pdf verbale-gara-deserta-gestione-proced.-sanzionatorio - 337.95 kB
18/06/2019

Chiarimenti

  1. 17/05/2019 14:55 - In relazione ai compensi a base di gara e alle modalità di fatturazione, con particolare riferimento alle spese postali (servizio di notificazione contravvenzioni) soggette a ribasso, il cui prezzo unitario a base di gara è determinato in € 6,00, si evidenzia che a seguito della liberalizzazione del servizio di notifica l’importo degli atti giudiziari oggetto di ribasso in sede di gara, offerti a condizioni negoziate individualmente, è soggetto ad aliquota ordinaria vigente.
    Si chiede, pertanto, di voler rettificare la prescrizione del capitolato di gara.
     


    Si precisa che le spese postali, il cui prezzo unitario a base di gara soggetto a ribasso è determinato in € 6,00, saranno assoggettate ad IVA (aliquota ordinaria) secondo la normativa attualmente in vigore.
    20/05/2019 13:06
  2. 20/05/2019 11:40 - Si inviano i seguenti 3 quesiti:
     
    • - Si chiede conferma che gli atti da notificare tramite il servizio postale in seguito al perfezionamento delle informazioni relative ai dati anagrafici (rinotifiche) saranno retribuiti con un compenso che a base d’asta ha il valore di € 6,00 (eurosei/00)
     
    • - Con riferimento agli atti da ri-notificare tramite messi notificatori del comune di residenza in seguito al perfezionamento delle informazioni relative ai dati anagrafici (rinotifiche), si chiede conferma che i messi non dovranno essere messi a disposizione dal fornitore ma saranno quelli dei comuni di residenza e che il fornitore anticiperà le spese di notifica.
     
    • - Si chiede di conoscere il valore posto a base d’asta per le spese di recapito delle emissioni solleciti pre-ingiunzione (c.d. lettere pre-ruolo) da inviare agli utenti.
     
     
     


    Si precisa quanto segue:
    -         1° quesito: Relativamente agli atti perfezionati a mezzo c.d. “rinotifica” si riporta, qui di seguito, quanto specificato nel Capitolato Tecnico con l’art. 3.1.1. rubricato Compensi a base di gara: “Per quanto concerne le spese postali …, il prezzo unitario a base di gara è determinato in € 6,00 …, per ciascun verbale di contestazione notificato e/o rinotificato.”. Pertanto, nella ipotesi di “rinotifica” sarà riconosciuto un compenso che, a base di gara, è pari ad € 6,00, oltre IVA come per legge.
    -         2° quesito: Si conferma che i messi notificatori saranno quelli del Comune che ha provveduto a rinotificare l’atto contravvenzionale, altrimenti, non si giustificherebbe il pagamento delle stesse in favore dei Comuni interessati; pertanto, l'aggiudicatario anticiperà le spese di notifica in questione che poi gli saranno “ … rimborsate dal C.P.L. , inserendole in apposita e specifica fattura, …, per il rimborso delle spese stesse (IVA esente).” vedi art. 4.6 del Capitolato Tecnico. Inoltre, anche l’art. 10.1 del Capitolato Tecnico precisa che “ … saranno rimborsate alla ditta aggiudicataria le spese pagate ai Comuni interessati, previa fatturazione dettagliata …”.
    -         3° quesito: L’articolo 1.2 rubricato Servizio di Gestione del Procedimento Sanzionatorio riporta tutte le attività rientranti nel processo sanzionatorio in questione e, tra le altre, anche la emissione delle c.d. lettere pre-ruolo. Il successivo articolo 4.11 rubricato Servizio Propedeutico e di gestione della riscossione coattiva specifica che “ … prima della emissione / elaborazione dei ruoli per la gestione della riscossione coattiva il Fornitore, d’accordo con il C.P.L., dovrà approntare ed imbustare tutte le emissioni solleciti pre-ingiunzione (c.d. lettere pre-ruolo), da inviare agli utenti.”. La predetta comunicazione è un atto di cortesia che sarà inviato agli utenti interessati con lettera ordinaria, non a mezzo raccomandata A/R. Tale servizio, pertanto, rientra nelle attività oggetto dell’appalto e sarà retribuito nell’ambito delle somme previste a base di gara per la gestione del servizio.
    22/05/2019 09:51
  3. 21/05/2019 14:42 - Si chiede di confermare che al fine di erogare il servizio oggetto di gara, l’operatore dovrà essere munito di idonea licenza e di ogni altro requisito prescritto dalla Delibera CONS 77/2018.

    Per partecipare alla gara occorre essere in possesso, entro la data di scadenza della procedura, di tutti i requisiti stabiliti nel bando e disciplinare di gara, nonchè di tutto quanto prescritto dalla normativa specifica di settore (notifica atti contravvenzionali). 
    23/05/2019 13:48
  4. 22/05/2019 10:08 - In relazione alla gara d’appalto in oggetto ed al termine ultimo fissato per la presentazione di tutta la documentazione d’offerta, con la presente siamo a richiedere a codesta Amministrazione una proroga di giorni dieci del citato termine di scadenza.
     
    Alla luce della complessità del capitolato d'appalto, infatti, il tempo a disposizione appare non sufficiente per sviluppare una nuova soluzione competitiva, vantaggiosa e tale da integrare le singole forniture di tutti i soggetti potenzialmente coinvolti nella compagine di partecipazione.
     
    La concessione di tale proroga, quindi, consentirebbe di mettere a punto una soluzione ottimizzata e con essa la relativa documentazione amministrativa a corredo.
     
    Nella speranza di vedere accolta la nostra richiesta, cogliamo l’occasione per porgere cordiali saluti.


    Il termine di scadenza delle offerte è stato stabilito nel rispetto di quanto disposto dal D.Lgs. n.50/2016 ss.mm.ii., tenendo conto della complessità dell'appalto e del termpo necessario per preparare le offerte. Pertanto, si conferma il termine di scadenza di cui al bando e disciplinare di gara.
    24/05/2019 09:37
  5. 22/05/2019 13:18 - Visto quanto previsto dal CSA al capitolo 3 e, nello specifico, al punto 3.1.1, ovvero la
    notifica degli atti in tutta Italia e all’estero, si chiede, al fine di una valutazione economica
    esaustiva, di specificare quanto segue:
    Il numero di verbali inviati a notifica nel Comune di Lecce e, possibilmente, quelli inviati
    nel restante territorio della Provincia di Lecce e, in ultima analisi, nel restante territorio della
    Regione Puglia, ottenendo per differenza su 82.000 annui, quelli fuori regione.


    Si chiarisce, che il valore numerico riportato negli atti di gara e, più precisamente, nel Capitolato Tecnico, laddove all’articolo 3.1.1  “… si precisa che il valore medio di verbali … consegnati per la notifica nel decorso 2017 e 2018 sono stati circa 82.000 …”,  è il dato storico rilevato esclusivamente per stimare il valore complessivo annuo dell’appalto. Continuando, il medesimo articolo precisa che il valore numerico riportato è “… puramente indicativo e può variare in più o in meno in base al numero delle sanzioni amministrative elevate dal C.P.L., durante la durata dell’incarico …; qualora ciò si verifichi non darà adito al Fornitore, per nessun motivo, di vantare prezzi e condizioni diversi da quelli offerti in sede di gara, …”. Tanto premesso e chiarito, si comunicano qui di seguito il numero dei verbali (valore medio calcolato per gli anni 2017 e 2018), distinti tra le notifiche sul territorio del Comune di Lecce, circa 24.000 atti contravvenzionali e, per differenza,  i restanti notificati fuori territorio comunale.
    24/05/2019 09:45
  6. 23/05/2019 11:38 - Si chiede:
    - l'assoggettamento ad IVA delle spese di notifica dell'atto contravvenzionale;
    - l'annullamento, di conseguenza, della procedura di gara.


    Relativamente alla questione di assoggettamento ad IVA delle spese di notifica dell'atto contravvenzionale e come già chiarito, si riporta qui di seguito la risposta al quesito già pubblicata in data 20.05 u.s.:
    "Si precisa che le spese postali, il cui prezzo unitario a base di gara soggetto a ribasso è determinato in € 6,00, saranno assoggettate ad IVA (aliquota ordinaria) secondo la normativa attualmente in vigore". 
    Riguardo la richiesta di annullamento in autotutela della procedura di gara in questione si precisa che non si ravvisano i presupposti per l'annullamento della stessa.
    24/05/2019 10:52
  7. 24/05/2019 08:52 - Per quanto concerne il subappalto, il Bando e Disciplinare di Gara, stabilisce che l’istituto “trova disciplina nell’art.105 del D.Lgs.n.50/2016”; l’art. 105 del Codice è stato recentemente novellato dal Decreto-legge 18 aprile 2019, n. 32 recante “Disposizioni urgenti per il rilancio del settore dei contratti pubblici, per l'accelerazione degli interventi infrastrutturali, di rigenerazione urbana e di ricostruzione a seguito di eventi sismici”, in corso di conversione, entrato in vigore lo scorso 19 aprile;
    la novella normativa ha, tra l’altro, modificato il comma 2 sostituendo il terzo periodo che ora recita "il subappalto è  indicato dalle stazioni appaltanti nel bando di gara e non  può  superare  la quota del cinquanta per cento dell'importo complessivo del  contratto di lavori, servizi o forniture."; si chiede di confermare che la quota subappaltabile dell'importo complessivo del  contratto è pari al del cinquanta per cento.

     


    Quanto oggetto del quesito trova applicazione nel richiamato art.105 del D.Lgs. 50/2016 ss.mm.ii.-
    24/05/2019 10:59
  8. 24/05/2019 08:53 - A pagina 33 del capitolato tecnico  l’art. 4.4. recita: “Per effetto delle direttive di liberalizzazione postale, relative alla concorrenza dei servizi inerenti le notificazioni di atti a mezzo posta e le comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari, nonché, dei servizi inerenti le notificazioni a mezzo posta di sanzioni amministrative, il Fornitore dovrà adoperarsi per garantire alla Amministrazione contraente un servizio postale efficiente e a costi quanto più possibile contenuti. Il Fornitore dovrà pertanto individuare operatori in possesso dei requisiti di legge e delle eventuali licenze previste dalle autorità competenti, per svolgere il servizio di notificazione e di comunicazione degli atti giudiziari relativi ai Verbali”;si chiede            
    di confermare che l’affidamento dell’attività di postalizzazione a soggetto esterno abilitato non è subappalto.


    Si chiarisce che l'articolo 4.4 richiamato riguarda l'attività di notificazione dell'atto contravvenzionale che è la fase finale della gestione del procedimento sanzionatorio rispetto, invece, alla postalizzazione che è propedeutica alla notifica dell'atto stesso.
    Si precisa, inoltre, così come ben dettagliato nella lex specialis di gara che, non essendoci prestazioni secondarie, la prestazione è unica  e, pertato, può trovare applicazione l'istituto del subappalto di cui all'art.105 del D.Lgs. n.50/2016 ss.mm.ii.- 
    24/05/2019 11:22
  9. 24/05/2019 08:54 -  Si chiede di indicare quale è la percentuale media annua di verbali da notificare all’estero.

    Non esiste un dato storico in quanto il C.P.L. di Lecce non ha mai notificato verbali all'estero.
    24/05/2019 11:24
  10. 24/05/2019 08:55 - Si chiede di poter avere una suddivisione per lingue dei verbali da inviare all’estero in base ai dati dell’ultimo biennio.

    Il C.P.L. di Lecce non ha mai notificato atti contravvenzionali all'estero, pertanto, non si ha un dato storico sulle "lingue dei verbali da inviare". 
    24/05/2019 11:27
  11. 24/05/2019 08:55 - A pagina 7  del capitolato tecnico  l’art 3  recita: “ … , al fine di velocizzare ed informatizzare al massimo il servizio. Il Gestionale dovrà consentire di gestire direttamente l’attività di notificazione anche a mezzo PEC degli atti sanzionatori, nel momento in cui tale modalità sarà a regime, interfacciandosi con relativo software di specie in uso all’Amministrazione contraente”; si chiede di confermare che le notifiche dei verbaliinviati a mezzo PEC sono remunerate allo stesso modo delle notifiche inviate in modo cartaceo. Inoltre si chiede di poter conoscere quale è il software di specie in uso all’Amministrazione contraente.

    Si chiarisce che la notifica dell'atto contravvenzionale consiste nella consegna "fisica" del plico al soggetto destinatario. Pertanto, non può essere remunerata la notifica tramite PEC, non rientrando tale ipotesi nella fattispecie della notifica dell'atto contravvenzionale come determinato in € 6,00 oltre IVA a base di gara. Nella fattispecie, infatti, ricorre solo l'ipotesi relativa alla lavorazione e gestione dell'atto contravvenzionale come determinato in € 5,00 oltre IVA a base di gara (v. art.3.1.1 del capitolato tecnico).
    Il software attualmente in uso è "PIEMME".
    24/05/2019 11:37
  12. 24/05/2019 08:56 - Il bando di gara a pag.18  prescrive che l’offerta qualitativa sia composta da un numero contingentato di pagine: si chiede di confermare che le schermate del portale Web possono essere inserite in un documento a parte, ovvero essere inserite nella relazione fuori dal computo del limite delle pagine.

    Si chiarisce che l'Offerta Tecnica è stata configurata sulla piattaforma telematica TUTTOGARE in maniera dettagliata e, pertanto, l'operatore economico potrà allegare le proprie relazioni così come richiesto dal bando e disciplinare di gara. 
    24/05/2019 11:48
  13. 23/05/2019 17:32 - 1. Con riferimento alle emissioni dei solleciti pre-ingiunzione (lettere pre-ruolo) da inviare agli utenti, si chiede cortesemente di conoscere una stima dei volumi previsti. 
    2. Si chiede, inoltre, di conoscere i volumi annui degli Atti Giudiziari di cui al punto 4.6.1 del Capitolato di gara e il numero di ritiri settimanali e/o annui presso l’ufficio sanzioni del Comando di P.L. che dovranno essere effettuati dal Fornitore per la raccolta e la successiva postalizzazione dei medesimi Atti Giudiziari. 
     


     

    1. Le comunicazioni da inviare (c.d. lettere pre-ruolo), relative al decorso 2018, sono circa 20.000. Il dato numerico in questione non è una stima dei volumi previsti annui, per l’appalto da aggiudicare, bensì, un dato storico riveniente dalla gestione degli atti contravvenzionali (violazioni C.d.S.) riguardanti il 2018.

    2. Gli atti inviati di cui al punto 4.6.1 del capitolato tecnico, relativamente al decorso 2018, sono stati circa 5.000. Anche in questo caso, il dato numerico in questione, non è una stima dei volumi previsti annui, per l’appalto da aggiudicare, bensì, un dato storico riveniente dalla gestione degli atti contravvenzionali (C.d.S.), nonché, degli atti emessi per violazioni ai Regolamenti comunali e delle altre norme di competenza della Polizia Locale riguardanti il 2018. Per quanto riguarda i ritiri dei predetti atti, si ipotizzano almeno tre ritiri al mese e, comunque, a secondo del volume di atti trattati. 

    28/05/2019 09:44
  14. 27/05/2019 11:45 - Si chiede di confermare se, ai fini della aggiudicazione,  la Stazione Appaltante verifica preliminarmente la sussistenza di tutti i requisiti, previsti dalla normativa di settore, necessari per l’erogazione del servizio.
     


    Si, i requisiti dichiarati in sede di gara saranno oggetto di verifica.
    29/05/2019 11:04
  15. 28/05/2019 10:54 -  
    Nel bando di gara, pag. 3, si delinea un appalto caratterizzato da una sola prestazione, interamente principale.
     
    Le attività oggetto della prestazione suddetta, tuttavia, per quanto strettamente interconnesse, sono scindibili.
     
    Si chiede, quindi, di confermare che -in caso di partecipazione in costituendo R.T.I.-  all'interno del raggruppamento, le imprese potranno organizzare l'esecuzione del contratto come meglio ritengono opportuno, svolgendo ognuna, una parte dell’unica attività principale delineata (es. IMPRESA 1 svolge servizio di notificazione degli Atti Giudiziari sul territorio nazionale e rendicontazione degli esiti; IMPRESA 2 svolge servizio di stampa e imbustamento; IMPRESA 3 svolge servizi di notifica multe all’estero e fornitura del software gestionale, etc.)
     
    Ciò posto, si chiede conferma che i requisiti di capacità economico-finanziarie e tecnico-professionale vengano posseduti da ciascun componente del RTI, limitatamente alla parte di servizio svolta all'interno del raggruppamento.
     
     


    Ai fini della partecipazione alla gara occorre tener presente che la prestazione oggetto dell'appalto è interamente principale e che in caso di RTI il bando di gara inequivocabilmente prevede testualmente:

    Quanto al requisito di capacità economica e finanziaria: 
    N.B. Nel caso di raggruppamento temporaneo o consorzio ordinario di concorrenti il requisito relativo al Fatturato specifico minimo annuo, deve essere posseduto per almeno il 40% riferito a ciascuno degli ultimi TRE esercizi finanziari dalla MANDATARIA e la restante percentuale dalla mandante o cumulativamente dalle mandanti.

    Quanto al requisito di capacità tecnica e professionale:
    N.B. Nel caso di raggruppamento temporaneo o consorzio ordinario di concorrenti il Requisito di capacità tecnica e professionale deve essere posseduto per intero dalla MANDATARIA.
     
    29/05/2019 11:43
  16. 29/05/2019 15:08 - Nel Bando di gara a pag. 7 è riportato quanto segue:
     
    La Commissione Giudicatrice esaminerà i contenuti dell’offerta strutturata secondo i seguenti criteri
    di valutazione:
    A. OFFERTA TECNICA QUALITATIVA 80/100
    B. OFFERTA ECONOMICA 20/100
     
    Nel Capitolato di gara, a pag. 69, può leggersi quanto segue:
     
    L’offerta economicamente più vantaggiosa viene valutata secondo i seguenti elementi:
    1. Offerta Tecnica: punti 70/100
    2. Offerta Economica: punti 30/100
     
    Per quanto sopra esposto si chiede cortesemente di chiarire quali saranno i criteri di valutazione dell’offerta tecnica e di quella economica.
     
     


    La valutazione dell'offerta, nella procedura di gara di che trattasi, avverrà rigorosamente in base alle previsioni e prescrizioni di cui al bando di gara.
    I criteri di valutazione, i subcriteri, i punteggi, così come le regole di gara sono tutti quelli del bando di gara.
    Qualsivoglia contrasto tra le previsioni del bando e quelle di Capitolato va risolto attraverso la prevalenza delle norme di bando su quelle di Capitolato, come espressamente previsto all'art. 4 della voce "Altre Informazioni" di pag.23 del bando di gara.
    Per vero nel caso di che trattasi occorre tenere in conto che sulla piattaforma è stata pubblicata, per mero errore, una versione antecedente del Capitolato in luogo di quella approvata. Segue dunque la pubblicazione negli Allegati del Capitolato approvato. 
    30/05/2019 15:16
  17. 27/05/2019 09:45 -  
    Il capitolato di gara contiene alcune prescrizioni che appaiono contraddittorie, in tema di notifica degli Atti Giudiziari.
     Il servizio di notifica degli Atti Giudiziari, infatti, appare inequivocabilmente all’interno del perimetro di gara, come specificato anche da quanto previsto dagli importi a base d’asta ( “Per quanto concerne le spese postali (servizio di notificazione contravvenzioni), a mezzo vettore Poste Italiane, ovvero, a seguito della liberalizzazione del servizio postale, altra ditta incaricata, anch’esse soggette a ribasso, il prezzo unitario a base di gara è determinato in € 6,00 (eurosei/00) IVA esente – art.10, comma 16, DPR 633/72 –, per ciascun verbale di contestazione notificato e/o rinotificato.” Pag. 9 del Capitolato),
     Tuttavia, alcune previsioni del Capitolato appaiono presupporre una sorta di ripostalizzazione. Ad esempio,
    Pag. 32 del Capitolato: Tutti i rapporti economici con il servizio postale (Poste Italiane o altra ditta incaricata), devono essere a carico del Fornitore del servizio; il Fornitore provvede altresì ad anticipare tutte le spese di spedizione per la notifica degli atti oggetto del presente capitolato, esonerando, sin d’ora, questo Comando da qualsivoglia responsabilità in ordine ai mancati pagamenti nei confronti del vettore postale.
    Pag. 34 del Capitolato: il Fornitore dovrà adoperarsi per garantire alla Amministrazione contraente un servizio postale efficiente e a costi quanto più possibile contenuti. Il Fornitore dovrà pertanto individuare operatori in possesso dei requisiti di legge e delle eventuali licenze previste dalle autorità competenti, per svolgere il servizio di notificazione e di comunicazione degli atti giudiziari relativi ai Verbali.
    Si chiede, pertanto, di confermare che il servizio di notifica degli Atti Giudiziari è all’interno del perimetro di gara e di voler rettificare le suddette prescrizioni contrastanti contenute nella lex specialis di gara.
     
     


    Il capitolato tecnico non appare in contrasto con il bando di gara, atteso che non è escluso nell'appalto di che trattasi il riferimento ad altri soggetti: si pensi, a titolo di esempio, all'istituto del subappalto, ove conforme alle previsioni di cui all'art.105 del D.Lgs. n.50/2016 ss.mm.ii.
    04/06/2019 17:09
  18. 27/05/2019 11:01 - In relazione al bando di gara in oggetto, premesso che:
    - Il capitolato speciale d’appalto, all’art. 3, prevede che l’aggiudicatario deve “compiere il servizio di stampa, imbustamento e consegna dei Verbali a Poste Italiane o, a seguito di liberalizzazione del servizio postale, ad altra ditta incaricata,…”;
    - La suddetta previsione, dunque, parte dal presupposto che l’effettiva liberalizzazione dei servizi postali avvenga nel corso dell’esecuzione dell’appalto;
    - Effettivamente, pur essendo state formalmente rilasciate licenze speciali per il servizio di notificazione degli atti giudiziari, queste non sono esercitabili in quanto condizionate dalla preventiva esecuzione dei prescritti corsi di formazione da tenersi a cura dell’UNEP;
    - Tale circostanza, dunque, certifica la permanenza di un monopolio di fatto in capo a Poste Italiane che sarà, necessariamente, l’unico soggetto in grado di svolgere il già menzionato servizio nella prima parte del periodo di vigenza del contratto;
    - La suddetta circostanza determina, altresì, che soltanto Poste Italiane potrà partecipare in RTI con altro operatore alla procedura di gara in oggetto;
    - Che le attuali tariffe attualmente praticate da Poste Italiane sono ben superiori all’importo posto a base d’asta per l’attività di notificazione; Tutto ciò premesso, si sottopongono alla stazione appaltante i seguenti quesiti:
    N.1 Se, avendo pubblica evidenza la circostanza che la liberalizzazione dei servizi postali di notifica degli atti giudiziari non è operativa per l’assenza della condizione di efficacia dei corsi propedeutici per i notificatori da programmarsi e svolgersi a cura dell’UNEP, ritenga legittima la conseguente riserva di esclusiva partecipazione a POSTE ITALIANE, eventualmente in RTI con altro operatore economico;
    N.2 Se, alla luce della certificata impossibilità di partecipazione da parte di operatori postali diversi da POSTE ITALIANE, non ritenga che la formulazione del bando violi i principi di procompetitività, favor partecipationis e par condicio tra gli operatori economici presenti sul mercato; 
    N.3 Se non ritenga che il bando stesso, prevedendo una necessaria fase di notifica da parte di Poste Italiane, palesi ex se la sussistenza di un monopolio che si riverbera in modo inficiante la possibilità di libera ed effettiva partecipazione alla gara da parte di operatori economici che non si costituiscano in RTI con Poste Italiane;
    N.4 Se la necessaria fase di notifica tramite Poste italiane, come prevista dal Bando nelle more della effettiva liberalizzazione, non sia palesemente in contrasto con la previsione di un prezzo a base d’asta diverso e di gran lunga inferiore rispetto alle tariffe attualmente praticate da Poste Italiane per la notifica degli atti giudiziari;
    N.5 Se la previsione di un corrispettivo a base d’asta per le attività di notifica pari ad € 6,00 – di gran lunga inferiore alle tariffe praticate da Poste Italiane - e che si assumono obbligatorie nel periodo di necessaria transizione previsto dal bando – non alteri l’equilibrio del contratto oggetto di appalto;
    N.6 Se il grave squilibrio contrattuale derivante dalla base d’asta dei servizi postali a fronte delle tariffe praticate da Poste Italiane, in uno con la previsione di cui al paragrafo 4.2.1 del capitolato che prevede la messa a disposizione di 4 unità di personale, non mini gravemente la sostenibilità economica dei servizi per gli operatori partecipanti con conseguente assenza di idonee garanzie qualitative per la stazione appaltante;
    N. 7 Se la previsione di esecuzione del servizio di notificazione in regime di liberalizzazione non faccia venire meno le previsioni di cui all’art. 10, comma 16, del DPR 633/1972 con conseguente assoggettamento ad IVA;
    N. 8 Se un operatore economico possa partecipare in RTI con un operatore postale in possesso di licenza speciale per la notifica degli atti giudiziari benché impossibilitato ad esercitarla in quanto l’UNEP non ha ancora tenuto i necessari corsi che ne condizionano legalmente l’efficacia;
    N.9 Se, in caso di partecipazione in RTI con operatore postale autorizzato, ma ancora operativamente impossibilitato alla notifica degli atti giudiziari a causa del mancato svolgimento dei corsi propedeutici da parte dell’UNEP, la notifica degli atti debba essere svolta – medio tempore – mediante Poste Italiane e quale sia l’importo delle spese postali che verranno rimborsate all’aggiudicatario. 


    NN.1-2-8-9
    L’obbligo di frequenza ai corsi di formazione di cui alle Linee Guida emanate dal Dipartimento per gli affari di Giustizia – Direzione Generale della giustizia civile – con la successiva abilitazione a seguito del superamento del previsto esame finale è un requisito di esecuzione e non di partecipazione. Pertanto, trattasi di requisito da possedersi ai fini dell'esecuzione dell'appalto. La stazione appaltante, in ragione della economia del procedimento amministrativo richiederà il possesso del requisito in confronto dell'aggiudicatario proposto, prima dell'adozione del provvedimento di aggiudicazione.
     
    N.3
    Relativamente al quesito n.3 il bando di gara prevede chiaramente a pag.4 che:
    “Per quanto concerne le spese postali (servizio di notificazione contravvenzioni), a mezzo vettore Poste Italiane, ovvero, a seguito della liberalizzazione del servizio postale, altra ditta incaricata ….”. Di conseguenza, si ritiene che  non vi è ipotesi di “….. sussistenza di un monopolio …..
     
    N.4
    Relativamente al quesito N.4 il bando di gara prevede la necessaria fase di notifica dell’atto contravvenzionale, ma non in via esclusiva “…. tramite Poste Italiane …..”,  come già specificato nel precedente quesito n.3.
    Pertanto, il riferimento al palese contrasto con un prezzo a base d’asta di gran lunga inferiore alle tariffe postali attualmente praticate da Poste Italiane, non trova fondamento.
     
    N.5
    Il corrispettivo posto a base di gara per le attività di notifica pari ad € 6,00 si ritiene congruo in quanto non strettamente corrispondente alle tariffe postali richiamate che riguardano, invece, il servizio postale universale.
     
    N.6
    Le n.4 unità di personale richieste di cui al capitolato tecnico dovranno svolgere attività che riguardano la gestione e la lavorazione dell’atto contravvenzionale e non anche la notifica; pertanto, le stesse rientrano nell’ipotesi dei servizi remunerati con l’importo di € 5,00 al netto di IVA a base di gara per ciascun verbale gestito.
     
    N.7
    E’ già stato chiarito che l’importo posto a base di gara per la notifica degli atti contravvenzionali pari a € 6.00 cadauno verbale sarà assoggettato ad IVA come per legge non rientrando, appunto, nella ipotesi del servizio postale universale di cui all’art.10 co.16 del D.P.R. 633/72.
     
     
    04/06/2019 17:32
  19. 01/06/2019 11:41 - In relazione al bando di gara in oggetto e facendo seguito ai quesiti già inviati dalla scrivente alla Stazione Appaltante si segnala che Poste Italiane Spa ha comunicato che, a partire dal 10 giugno 2019, applicherà nuove condizioni economiche per le attività di postalizzazione e notifica dell’Atto Giudiziario e delle comunicazioni connesse - vedasi a tal proposito il comunicato pubblicato al seguente link https://business.poste.it/professionisti-imprese/condizioni-offerta-atto-giudiziario-giugno2019.html. In particolare, l’importo complessivo dovuto per la spedizione per gli invii comprensivo della quota forfettaria di CAN e CAD sarà pari a € 9,50. Si rinnovano pertanto tutte le considerazioni, riportate nella precedente richiesta di chiarimenti, in merito alla anti-economicità dell’importo posto a base d’asta per le spese postali (€ 6,00 comprensivo di CAD e CAN) rispetto alle nuove condizioni di mercato (€ 9,50) applicate da Poste Italiane Spa, unico operatore di fatto abilitato a svolgere tale servizio. Alla luce di quanto segnalato, al fine di consentire la massima partecipazione di tutti gli operatori economici del settore, si chiede che la Stazione Appaltante adotti gli opportuni provvedimenti previsti dalla legislazione vigente in materia (ad es. rettifica o ritiro in autotutela e contestuale revoca del bando). 

    Come già evidenziato in altro precedente chiarimento, si ribadisce che l’aumento richiamato riguarda le tariffe postali applicate da Poste Italiane S.p.A. per il servizio postale universale.
    04/06/2019 17:35

Registrati o Accedi Per partecipare

TuttoGare


Norme tecniche di utilizzo | Policy privacy
Help desk assistenza@tuttogare.it - (+39) 02 40 031 280
Attivo dal Lunedì al Venerdì dalle 09:00 alle 18:00

Comune di Lecce

Via F. Rubichi, 16 Lecce (LE)
Tel. 0832/682229 - 2230 - Email: urp@comune.lecce.it - PEC: ufficio.gare@pec.comune.lecce.it